Darwin Awards (intro)

Non è la più forte delle specie che sopravvive, né la più intelligente, ma quella più reattiva ai cambiamenti.

(Charles Darwin)

 

Ormai è parere comune che la selezione naturale, per la razza umana, vada via via scomparendo. I continui miglioramenti della scienza medica, salvando vite che in un ambiente “selvaggio” sarebbero destinate a spegnersi, portano come effetto collaterale il diffondersi di corredi genetici in certi casi un pò “deficitari”. Ma la natura non sta a guardare, e ha trovato una nuova via per tentare di migliorare costantemente la razza umana: l’auto-eliminazione. E per questo nascono i Darwin Awards: i Darwin Awards premiano infatti quelle persone che, provocandosi gravi danni personali (premiati con le Menzioni Onorevoli) o addirittura incidenti mortali (Premi Darwin), si dimostrano essere i meno adatti a sopravvivere. E con quegli stessi atti liberano l’umanità dai soggetti più deboli…..

 

Questa la spiegazione “seria”. Volendola vedere com’è, sono una scusa per ridere delle più grandi bestialità commesse realmente negli ultimi anni. In questo riassunto, il riepilogo dei migliori casi degli ultimi anni, la maggior parte direttamente tradotta dal sottoscritto….

 

Un premiato 2003:
Quando il suo revolver calibro 38 ha mancato di far fuoco sulla vittima designata, durante una rapina a Long Beach, California, l’aspirante rapinatore James Elliot ha commesso un piccolo errore di valutazione. Ha girato il revolver, per osservare la canna ed ha provato a premere di nuovo il grilletto. Ma questa volta ha funzionato….

 

Un premiato 2004:
La maggior parte dei duelli per la procreazione si disputa tra due mammiferi maschi, come i caproni di montagna, che si incornano a gran velocità per impressionare una femmina e conquisatre così il diritto a procreare. Generalmente, questi mammiferi dispongono di crani “corazzati” e di liquidi supplementari intorno al cervello, che consentono queste sfide senza creare eccessivi rischi per l’animale.
Gli esseri umani non dispongono invece di queste protezioni naturali, e di conseguenza di solito evitano questo genere di duelli.
Naturalmente l’uomo, l’utilizzatore di strumenti per eccellenza, può trovare metodi artificiali per superare i suoi limiti naturali. Un esempio ben noto sono i duelli tra cavalieri del medioevo, dove i partecipanti indossavano un’armatura e montavano cavalli per correre uno contro l’altro a grande velocità.

 

La più recente osservazione di un “duello per la procreazione” umano si è avuta quando due studenti di un’università Taiwanense hanno indossato i caschi protettivi e alzato i giri del motore dei loro scooter nel tentativo di impressionare un bell’esemplare femmina della loro specie…. Pare che i due fossero della stessa classe, ma non amici. Altri compagni di classe hanno confermato come i due “puntassero” la stessa studentessa.

 

Dopo essersi dedicati a sufficienza agli alcolici durante l’ultima festa di mezzo autunno, i due si sono scontrati, e sono volate parole grosse. Il guanto di sfida è stato lanciato. In luogo dei cavalli, i due avrebbero usato gli scooter, e si sarebbero lanciati alla massima velocità l’uno contro l’altro: colui che non avrebbe deviato dalla traiettoria di collisione avrebbe vinto l’esclusivo diritto di “provarci” con la ragazza in questione.

 

Entrambi però dovevano essere davvero cotti per lei, poichè nessuno dei due ha sterzato. I due scooter si sono scontrati frontalmente a più di 80 Km/h, ed entrambi sono morti sul colpo. La ragazza al centro della contesa ha rifiutato ogni commento, al di là di “Non mi è mai importato niente di nessuno dei due!”

 

Un premiato 2005:
La forza e la resistenza sono due delle principali caratteristiche che possono consentire a una specie di migliorarsi, quindi le sfide fisiche tra maschi della staesa specie sono frequenti. In questo caso due tipi piuttsto alticci si sono trovati su un sovrapasso alto 15 metri sopra una trafficata autostrada alla periferia di Seattle, negli USA, alle 2.45 del mattino, e lo hanno trovato perfetto per una sfida: chi si fosse trattenuto per più tempo alla ringhiera sel soprapasso avrebbe vinto la sfida.

 

Sfortunatamente, il vincitore era troppo stanco per lo sforzo della vittoria per potersi tirare su, malgrado l’aiuto dell’altro sfidante. Così il campione non identificato è caduto sulla strada sottostante, proprio davanti ad un autoarticolato che sopraggiungeva a quasi 100 Km/h. Da qui è poi rimbalzato sull’altra corsia dove è satto colpito da un’auto, che non si è fermata. Le autorità non hanno identifictao il vincitore della competizione….

 

Menzioni Onorevoli
-Un teenager americano e’ stato ricoverato in ospedale per gravi ferite alla testa provocate dal sopraggiungere di un treno. Quando gli venne chiesto come aveva fatto a procurarsi le ferite, il giovanotto ha raccontato alla polizia che stava semplicemente cercando di verificare quanto poteva riuscire ad avvicinarsi ad un treno in movimento prima di venire colpito.

 

-Quando un uomo ha cercato di aspirare benzina da un tubo infilato nel serbatoio di un camper parcheggiato in una strada di Seattle, si e’ ritrovato con molto di più di quello che stava cercando. La polizia e’ infatti arrivata sul luogo per trovare una persona in preda a conati di vomito e piegata in due vicino alla tanica per i rifiuti della toilette chimica del camper. Un portavoce della polizia ha dichiarato che l’uomo ha ammesso di aver cercato di rubare della benzina dal serbatoio ed ha infilato a tal scopo un tubo in quello che credeva fosse il bocchettone della benzina ed era invece lo scarico delle acque nere. Il proprietario del veicolo si e’ rifiutato di sporgere denuncia, dichiarando di essersi fatta una delle migliori risate della sua vita.

Annunci

Informazioni su Lucy & Chuck

Più che una coppia, si definiscono un mostro a due teste, una delle quali eccelle nella manicure (ma ha capito il fuorigioco) e l'altra ha un feticismo per le squadre che non vincono dagli anni ‘60. Entrambi apprezzano statistiche e risse. Scrivono di Hockey e Baseball.
Questa voce è stata pubblicata in Neanche oggi ho voglia di fare un tubo. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...