Organs, che rimonta! Ma la beffa è al 90′

Quando non arriva benzina al carburante, la macchina non parte. E secondo me, oggi è arrivata pochissima benzina al carburante!

(Giovanni Trapattoni)

 

dal nostro inviato – Finale saturo di emozioni nella sfida dello stadio CaRim di Rimini. di fronte ad un folto pubblico, la sfida di cartello tra la Libertas Organ e la Benzi Bros è stata caratterizzata infatti da un clamoroso susseguirsi di rimonte, culminate nel bellissimo gol agli ultimi secondi che ha dato la vittoria alla Benzi Bros. Da segnalare anche un brutto episodio, la rissa sfiorata tra alcuni elementi delle due compagini, evitata solo dal deciso intervento dei rispettivi compagni di squadra. Ma andiamo con ordine.

Tabellino

Libertas Organizers – Benz Bro. & Co. 5-6

Libertas Organizers

  • Francesco “Hobbit” Bezzi (c)
  • Giuliano “Giulo” Lombardi
  • Davide “Davìd” Bezzi
  • Sara “Ma tu giochi a calcio?” Fratini
  • Davide “Dade”
  • Andrea “Dopolavoro” Mini
  • Irene “Ire Tigrotta” Valenti

Benzi Bros. & Co

  • Davide “Quigley” Benzi (c)
  • Ivan “Ragno Nero” Benzi
  • Giacomo “Giacomino” Mini
  • Mattia “Tia” Bianchi
  • Fabio “Scarpa”
  • Bensa

Spettatori presenti 4, paganti 0. Angoli 5-5, Falli commessi 2-3. Ammoniti nessuno, Espulsi nessuno.

Alcuni problemi organizzativi portano le due formazioni ad affrontarsi in 6vs6 (inizialmente 5vs5) , e la minor prestanza fisica generale della Libertas li porta a schierarsi in 7 con un Turn-Over. Le due squadre si affrontavano subito a viso aperto. Nei primi minuti della gara gli Organs si lanciavano subito all’attacco con manovre veloci e precise. In pochi minuti arrivava così, dopo due belle parate di Ivan Benzi, il meritato vantaggio con un preciso tiro dalla destra di Sara Fratini. I Benzis erano in netta difficolta di fronte alla velocita e al pressing degli Organs, che al 10′ minuto di gioco trovavano il raddoppio: dopo un recupero in difesa una sgroppata sulla destra di Davide Bezzi era conclusa con un tiro non potentissimo ma preciso che si infilava alle spalle del portiere Benzi.

Con l’arrivo dei due Mini le formazioni giungevano alla completezza, ma questo metteva in grande difficoltà gli Organs. Il loro gioco fatto di velocità e ricerca dello spazio era infatti fortemente penalizzato dall’intasamento prodotto dalle squadre da sei elementi ciascuna, mentre i Benzis, più forti fisicamente, potevano trovarsi più a loro agio.

Cominciava così lentamente la rimonta che portava dapprima al pareggio di Bensa, poi addirittura al soprasso 3-2 e infine al dilagare dei Benzis fino al 5-2.

Una breve pausa-ristoro segnava il passaggio al “secondo tempo”. Gli Organs rientravano in campo più convinti delle loro possibilità e soprattutto si convincevano pian piano di poter affrontare i più grossi avversari. Una ritrovata intensità difensiva, grazie al rientro in campo di “Ire” Valenti e al salire in cattedra di Giulo e Dade, consentiva agli Organ di dipanare migliori trame offensive, che sfociavano nel gol in contropiede del capitano Hobbit lanciatosi in profondità e colto da un precisissimo passaggio di Giulo. L’ala degli Organs entrava in area leggermente decentrato sulla sinistra per trafiggere il portiere con un rasoterra a girare sul secondo palo. Era il segnale della riscossa.

Galvanizzati dal gol, dai ripetuti interventi difensivi di tutta la squadra e dalle spettacolari parate di “Ire” Valenti, da quel momento gli Organs riprendevano coraggio e si lanciavano in attacco alla ricerca del gol, che puntualmente arrivava dapprima per il 4-5 di Davide Bezzi, e poi addirittura per il pareggio della solita Sara Fratini.

L’oscurità incipiente cominciava subito dopo a mettere in difficoltà le due squadre, e soprattutto i giocatori con più difficoltà oculistiche. Questo non impediva però ai Benzis di segnare il bellissimo gol decisivo, un tracciante da centrocampo di Bensa che si infilava nel 7, nonostante il disperato intervento del portiere di turno Valenti.

La stanchezza e il nervosismo affioravano nelle battute finali. L’arbitro decretava la fine dell’incontro allo scoppiare della rissa tra “Dade” e Bensa, nella quale volavano parole grosse, spintoni e addirittura uno sputo. Un brutto episodio di cui avremmo fatto volentieri a meno, e che non è degenerato solo per il pronto e assai deciso intervento del Capitano degli Organs Hobbit, presto validamente coadiuvato dal suo omologo dei Benzis Davide “Quigley” e dal compagno di squadra Davide Bezzi.

La partita si concludeva comunque, per tutti gli altri giocatori, tra complimenti reciproci e inviti per una rivincita.

E stavolta gli scornati siamo stati noi! Grrrr!!!!!

LE PAGELLE

  • Andrea “Dopolavoro” Mini – 6/7: entra in campo dopo una dura giornata di lavoro sui bagagli dell’aeroporto, e si vede. Lotta comunque duramente su ogni pallone e aiuta la squadra a salire. Fatica come ovvio nei rientri difensivi, ma appare un baluardo insuperabile in porta. Paragone: Jan koller (Calcio, Borussia Dortmund)
  • Davide “Dade” – 7: Una media tra il 6 scarso di inizio gara, quando gioca un pò intimidito dall’esuberanza fisica degli avversari, e l’9 abbondante della seconda parte, quando si avventa su ogni pallone che superi la metà campo come un falco. Peccato per la rissa finale. Paragone: Ivan Ramiro Cordoba (Calcio, Inter)
  • Giuliano “Giulo” Lombardi – 7.5: altro difensore che sale in cattedra col passare dei minuti. Più efficace del compagno negli anticipi, leggermente meno nei recuperi. Ma a questo aggiunge buona visione di gioco e qualche sortita in avanti. Paragone: Christian Chivu (Calcio, Inter)
  • Irene “Ire Tigrotta” Valenti – 8: in campo inizialmente per dare respiro ai compagni, si rivela grintosissima in difesa e coraggiosa in porta. Nonostante sia la più minuta in campo, non esita a lanciarsi tra le gambe dei più grossi avversari sradicando palloni fondamentali. Efficacissima anche in porta, non ha colpe sul potente e preciso tiro che decide la partita. Paragone: Dominic Hasek (Hockey, Detroit Red Wings)
  • Davide “Davìd” Bezzi – 7: ancora affaticato dall’inattività estiva, ma la classe c’è e si vede. Superato in difesa specie nelle fasi iniziali, è invece ottimo in avanti ed entra in quasi tutte le azioni da gol. Paragone: Zinedine Zidane (Calcio, ritirato)
  • Sara “Ma tu giochi a calcio?” Fratini – 7.5: In attacco la migliore della squadra, poco presente in difesa. Preferisce giocare sulla destra, ma questo limita le sue possibilità di conclusioni efficaci. Facesse un dribbling in meno ad azione e un passaggio in più, risulterebbe immarcabile. Finisce la partita nel solito modo: chi non la conosceva, le chiede “Ma tu giochi a Calcio?” Lei risponde di no, e nessuno le crede… Paragone: Kakà (Calcio, Milan)
  • Francesco “Hobbit” Bezzi (c) – 7: Chiamato a raccordare attacco e difesa, a fare da perno centrale dell’attacco e pure in certe fasi a guidare la difesa, si disimpegna bene dietro ma non riesce ad essere efficace in attacco come altre volte. Jolly che dove lo metti sta (esclusa la regia), si sfianca in un pressing a tutto campo che meriterebbe maggior fortuna, ma arriva spesso troppo stanco al tiro. Freddo nell’azione del gol, se ne mangia un altro in piena rimonta. Con l’oscurità non trova più le misure in attacco. Paragone: Javier Adelmar Zanetti (Calcio, Inter).

A quando la prossima partita?

Annunci

Informazioni su Lucy & Chuck

Più che una coppia, si definiscono un mostro a due teste, una delle quali eccelle nella manicure (ma ha capito il fuorigioco) e l'altra ha un feticismo per le squadre che non vincono dagli anni ‘60. Entrambi apprezzano statistiche e risse. Scrivono di Hockey e Baseball.
Questa voce è stata pubblicata in Amici sportivi, buonasera!, Tra un malanno e l'altro. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Organs, che rimonta! Ma la beffa è al 90′

  1. Deinè ha detto:

    Lo so che te lo hanno già detto in tanti, e che non è neanche una gran bella roba da dire…ma perchè hai fatto Ingegneria?
    Leggendoti comincio a pensare che la Gazzetta abbia perso il suo giornalista del decennio… beh, meglio così, forse!! 😛

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...