Vabbè, allora sparatemi e facciamola finita

E se le dici che al momento
“Sono occupato, ti richiamo”
quando la chiami
dice che non l’ami e fa l’offesa

(Articolo 31, La fidanzata)

Procuste regna sovrano, as usual.

E tutti si preoccupano solo del mio bene. Che culo, eh?
Se trovi da una parte, non va bene a una, se trovavi da un’altra, non andava bene a due.
So bene chi preferirei, io, se le condizioni fossero paritarie; ma non lo sono. Così loro nella loro totale dissociazione mentale sono felici solo all’idea che io perda un’altro anno di studio, lei è incazzata come una biscia. Non che sia una novità, ultimamente.

No problema, al diavolo i soldi, restiamo a roderci il fegato. Niente lavoro e resto qui, così quando mi laureo potrò dire:
“Non ho una lira, quindi lascio casa a Rimini per andare a vivere un anno a Bologna pagando uno degli affitti più alti d’Italia e senza avere un lavoro”. Non fa una grinza.

Qui finisce che io mando a quel paese tutti, qui intorno, e vado a fare l’eremita in Armenia. Mi ammazzerò di seghe, che ve devo dì? Ma almeno limito le interazioni sociali. Anche perchè fino a due minuti fa avevo una voglia matta di uccidere qualcuno, e in mancanza di chiunque altro stavo ripiegando sull’autoterminazione. E sono ancora qui solo perchè in questa città ci sono troppi pochi ponti alti, e la circolazione delle armi in Italia non è mai stata soddisfacente. Questa classe politica non viene incontro alle esigenze basilari dei cittadini, bisogna dirlo.

 P.S.: sono un filinino alterato. Si nota?

Annunci

Informazioni su Lucy & Chuck

Più che una coppia, si definiscono un mostro a due teste, una delle quali eccelle nella manicure (ma ha capito il fuorigioco) e l'altra ha un feticismo per le squadre che non vincono dagli anni ‘60. Entrambi apprezzano statistiche e risse. Scrivono di Hockey e Baseball.
Questa voce è stata pubblicata in Fixing News, Jailhouse Rock e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Vabbè, allora sparatemi e facciamola finita

  1. AnniKa ha detto:

    Ehi, mi devo preoccupare? Se vuoi asilo politico, la Danimarca ti aspetta a braccia aperte: non credo che la circolazione delle armi sia migliore (non mi sono informata, onestamente), ma almeno all’inizio non conosci anima viva e, soprattutto, tutti ti parlano in una lingua che non conosci, e quindi nessuno ti rompe le scatole. Questo era per dire: no, dai, non ti suicidare. E anche no, dai, non ammazzare nessuno.
    Piuttosto, vieni a trovarmi, ecco. 😉

  2. Hobbit83 ha detto:

    Ora va un poco meglio, Annika, grazie… terrò però sicuramente presente il consiglio, dovesse servirmi in futuro. Effettivamente andarmene senza lasciare una scia di sangue qui potrebbe avere i suoi vantaggi.
    E magari ti vengo a trovare in ogni caso, che sia in crisi di rapporti sociali o meno: altrimenti non vedo te per troppo tempo e la Danimarca probabilmente mai più! 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...