Classe… di coccio

“Ma non eri Faustiniano?”

(Martina Z. riguardo al sottoscritto,
qualsiasi cosa voglia dire)

Mi hanno contattato su Feisbuc un mesetto fa. “Cena di classe”.
‘Quale classe?’, mi sono subito chiesto… Forse quella dove, non avendo alcuna voglia di perdere tutte le sere a bere e fumare, fui oggetto di scherzi e danneggiamenti vari per 5 anni? Quella dove si sosteneva che io puzzassi perchè un giorno un mio “caro” compagno aveva così stabilito?
Quella dove il mio “migliore amico” non ha mai alzato un dito in mia difesa? Quella dove una una dolce, impegnata, coerente e combattiva pulzella invitò i ganzi a piantarla di sfottermi deformando una canzone non perchè potesse darmi fastidio o perchè risultassero stucchevoli, ma perchè “Ligabue non si può storpiare, usatene un’altra!” ? Quella dove per passare una notte tranquilla in traghetto dovetti dormire al piano di sopra del letto a castello della cuccetta con gli scarponi da montagna addosso, pronto a minacciare di calci in faccia chiunque fosse entrato, segnalato da un rudimentale ma efficace sistema d’allarme? Quella dove i miei libri, quaderni e materiale vario dovevano restare sempre sott’occhio, perchè persino un’interrogazione voleva dire trovare dei danni al ritorno?

Forse quella dove, gli ultimi due anni, mi vendicai rendendo ai miei compagni maschi la pariglia uno alla volta, facendo si che il danneggiato di turno, uno di loro, accusasse di volta in volta un’altro della loro banda? Quella dove durante un cambio d’ora ero talmente inviperito che sollevai di peso, con un braccio solo, il “caro” compagno di cui sopra tenendolo per il collo e lasciandogli una seria completa di segni di unghie ad altezza carotide? Quella dove lanciai un ombrello di punta direttamente a un centimetro dalla testa di un altro, dopo che questi aveva tentato di evirarmi con lo stesso?

Forse quella dove, infine, scopro oggi che nonostante 5 anni passati a stretto contatto di me non avevano capito assolutamente un cazzo, e mi consideravano un comunista via di mezzo tra Bertinotti e Stalin…A me, che non ho mai votato più a sinistra dei verdi!!!

Di quella classe mi stavano simpatiche tre persone. Una è la persona in asoluto a me più vicina, un’altra è una mia amica ed è l’unica ex-compagna di classe con cui ho mantenuto rari contatti, il terzo era detto “la Gattamorta” e mai una volta che abbia, come detto, alzato un dito o la voce per darmi una mano. Restava, a suo modo, simpatico, e poi io tendo a perdonare, spesso pure troppo. Ma sono tre. Gli altri risultavano chi troppo stronzo per essere vero, chi ipocrita, chi falso e/o sfruttatore, chi semplicemente poco affine o privo di qualsiasi voglia di sviluppare un legame che andasse al di là del “ciao” ogni mattina. Quindi tre, 3 persone su 27 complessive nei cinque anni.

E io dovrei sprecare una serata in questa piacevole compagnia? Ho altro da fare, grazie.

Annunci

Informazioni su Lucy & Chuck

Più che una coppia, si definiscono un mostro a due teste, una delle quali eccelle nella manicure (ma ha capito il fuorigioco) e l'altra ha un feticismo per le squadre che non vincono dagli anni ‘60. Entrambi apprezzano statistiche e risse. Scrivono di Hockey e Baseball.
Questa voce è stata pubblicata in Fixing News. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...