Assicurare l’inferno

L’assicurazione copre tutto, tranne quel che ti succede.

(Legge di Miller)

Vi spiego come si fa.

  • Si paga regolarmente, con puntualità svizzera, l’RC auto. Se cambi residenza verso una grande città, capita pure che a fronte di un anno senza incidenti e della stessa macchina tu possa pagare anche il 10% in più. In questa paghi anche assistenza stradale, medica, legale, bonus protetto, bonus sulla deficenza congenita, assistenza alla demenza, rimbalzo sull’invasione di cavallette, contropaccotto sugli autovelox e supercazzola brematurata con scappellamento a destra. Se ne va uno stipendio.
  • Non si commettono incidenti, di nessun tipo, accrescendo la frustrazione ogni volta che si reitera il punto 1, finchè….
  • Si torna a casa dopo le ferie un venerdì sera, in pieno gennaio con relativo tempo atmosferico poco apprezzabile, e osando rispettare la segnaletica stradale si viene giustamente tamponati
  • Il tamponante non sarà, naturalmente, uno dei tantissimi italiani poco prudenti alla guida, ma un povero cristo di autostrasportatore Moldavo, con altrettanto ovvia compagnia d’assicurazione altrettanto moldava.
  • Di conseguenza, eliminati tutti i vantaggi della legge Bersani e simili, il tamponato potrà rivalersi solo attraverso un ufficio interassicurativo che possa rintracciare qualcuno che si prenda la responsabilità di dire “sono il referente italiano per una compagnia Moldava”, già di per se cosa poco pratica.
  • Indi, partirà la procedura di attestazione del danno, stima dello stesso e eventuale pagamento. Il che significa che fino ad allora non si potrà procedere alla riparazione
  • Da cui deriva che il malcapitato e tutti coloro che contavano sull’automezzo possono attaccarsi al tram (spesso in senso letterale) o godersi le gioie dell’inverno bolognese alternando bicicletta e moto.
  • In tutto questo, l’auto del tamponato dovrà essere tenuta ferma (a pagamento) in un garage custodito, poichè trattasi di auto tipo “familiare” che, non potendo chiudere il portellone, resta aperta a chiunque voglia entrarci.

Al termine di tutto questo procedimento, il tamponato, vi assicuro, si sarà garantito l’inferno, o ben che vada un centocinquant’anni di purgatorio.

Annunci

Informazioni su Lucy & Chuck

Più che una coppia, si definiscono un mostro a due teste, una delle quali eccelle nella manicure (ma ha capito il fuorigioco) e l'altra ha un feticismo per le squadre che non vincono dagli anni ‘60. Entrambi apprezzano statistiche e risse. Scrivono di Hockey e Baseball.
Questa voce è stata pubblicata in Voglio morire. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...