Mens Patologica

o avrete notato, io sono uomo da aforismi….

Ok, quel “Maddai, davvero? Chi l’avrebbe mai detto??” potevate pure evitarlo, eh!?

Comunque, dicevo, essendo io uno cui piacciono i concetti espressi in poche parole, le rare volte che io o qualcuno dei miei più stretti conoscenti ne plasma uno, non posso fare a meno di emozionarmi….

E siccome poi nell’emozione ho paura di scordarmeli, li raccoglierò qui, perchè nel mio ego spropositato penso che alcuni meritino.

Quando si dice “Uso privato di mezzo semiprivato”…..

  • #000 – Da dove nasce tutto

Tanto ci sarà sempre, lo sapete, un musico fallito, un pio, un teorete, un Rebebebbe, un prete, a sparare cazzate.

(Hobbit, il 4° anno di superiori, parafrasando Guccini. Rebebbe/Rebebebbe era un mio soprannome all’epoca)

  • #001 – Cogliere il momento giusto

Gesù di Nazareth? Secondo me, era un capopopolo dall’appeal particolare.

(Hobbit, 3° anno di superiori, durante l’ora di Religione)

  • #002 – Historia Magistra Vitae

Non so se davvero faranno la guerra all’Afghanistan. Ma se la faranno, so per certo che entro una trentina d’anni faranno la guerra al Pakistan.

(Hobbit, 19 settembre 2001, a scuola, alla richiesta di un parere sulla probabile guerra in Afghanistan)

  • #003 – La raffinata arte del romanticismo

Tu sei come Recoba: hai un talento smisurato, e un’altrettanto smisurata capacità di infilarti in situazioni impossibili da sola.

(Hobbit, una sera del febbraio 2007, alla sua compagna)

  • #004 – Ma come guidi?!?

Gli Italiani hanno un rapporto perverso con la Destra: ci stanno troppo quando sono alle urne, e ci stanno troppo poco quando sono per strada.

(Hobbit, 20 agosto 2007, per strada)

  • #005 – Conoscenze informatiche

Mi chiede il Pop3, il Pop4…. io so solo il pop corn!!.

(Deinè, 30 settembre 2007, alle prese con Mozilla Thunderbird)

  • #006 – Interrogativi

Ma se gli ultimi saranno i primi, i primi diventano secondi ed i secondi diventano contorni?!?

(Enrico Valenti, 04 novembre 2007, in un momento di follia e graditissimo fancazzismo)

  • #007 – Gli esami di Deinè

Per te, ogni esame è una cazzata due mesi prima, impossibile la sera prima, una cazzata fatta male il giorno dopo. E ogni volta comunque è un 30 in più sul libretto.

(Hobbit, 06 novembre 2007, commenta l’approccio agli esami di Deinè)

  • # 008 – Pretendente famoso o sonno divino?

Dai, vai tra le braccia di Morfeo…. ma occhio che oggi è stato espulso, sarà nervoso!

(Hobbit, 2006, a Deinè, suggerendole di andare a dormire)

  • # 009 – Trattamento antinfeltrente

I capi di sinistra sono rimasti lì, a “fare autocritica” e soffiarsi il naso nel cachemire

(Deinè, 20 aprile 2008, sulle varie sinistre elettorali non elette)

  • # 010 – Le gioie della ricerca

Lui e le sue rette da fittare! Ma che se le fitti su per il (omissis)!

(Deinè, 23 aprile 2008, in un momento di entusiasmo per il suo vicecapo)

  • # 011 -E io come faccio?

Io sono troppo di destra per essere di sinistra, troppo di sinistra per essere di destra… e troppo intelligente per essere di centro!

(Deinè, 25 gennaio 2009, analizzando le opportunità politiche italiane)

  • # 012 – Descrizioni

Lei? E’ più depressa di un emo.

(Mio fratello, 26 gennaio 2009, descrive in due parole una sua cara amica)

Una risposta a Mens Patologica

  1. Pingback: C’è chi lo chiama Tumblr, c’è chi le chiama cazzate…. « Mens Nevrotica in Corpo Patologico

I commenti sono chiusi.